Minergie e CECE: Guida Base 2021 | Leggi Ora

Quando parliamo di ristrutturazioni o di nuove costruzioni sul territorio svizzero non possiamo prescindere dal prendere in causa Minergie e CECE. Entrambi infatti indirizzano i lavori da eseguire, fornendo importanti indicazioni in termini di obiettivi da perseguire.

Il Minergie è uno standard costruttivo, mentre il CECE è la certificazione energetica dell’edificio: i due protocolli lavorano in maniera interdipendente, allo scopo di raggiungere i livelli più alti di comfort abitativo, coniugandoli con le migliori prestazioni energetiche.

Va da sé che le imprese di costruzioni in Svizzera operano nell’ottica di ottenere i migliori risultati sia per quanto riguarda il Minergie che per quanto riguarda il CECE, aprendo anche le porte all’ottenimento di importanti incentivi fiscali programmati a livello federale e cantonale. Vediamo allora più nel dettaglio cosa sono questi due standard e come si integrano nel mondo della ristrutturazione. Se cerchi una ditta in Ticino che lavori secondo gli standard previsti da queste due certificazioni, chiamaci al 058 255 03 55 oppure compila il nostro modulo e fissa subito il tuo appuntamento per un sopralluogo gratuito.

Minergie e CECE: cosa sono

Andiamo con ordine: il Minergie è uno standard di costruzione, elaborato in Svizzera per essere applicato sia alle nuove costruzioni che alle ristrutturazioni edili. L’obiettivo principale, come detto, è il perseguimento del massimo comfort all’interno degli edifici, in termini quindi sia abitativi che lavorativi.

I punti cardine su cui si fonda questo standard sono consumi energetici bassi, energia proveniente da fonti rinnovabili, costante rinnovo dell’aria.

Al di là dello scopo nobile per cui è stato istituito, il Minergie ha trovato il favore degli addetti ai lavori (quindi architetti, progettisti e via dicendo) perché fornisce semplicemente dei paletti, ossia dei requisiti da soddisfare, lasciando completa libertà sulle modalità per arrivare a questo traguardo.

Il CECE altro non è che il certificato energetico cantonale degli edifici. Il suo scopo è quello di mostrare in primis l’efficienza energetica di un edificio, analizzandone la parte più esterna. Inoltre il CECE si occupa anche di determinare il fabbisogno energetico medio necessario per “vivere” quello stesso edificio.

Quest’ultima valutazione viene espressa in classi di efficienza che vanno dalla A alla G, certificata successivamente con il rilascio di un’etichetta energetica.

Sia l’Agenzia Minergie che l’Agenzia CECE della Svizzera italiana hanno sede presso l’Associazione TicinoEnergia.

Minergie e CECE: perché operare secondo lo standard costruttivo svizzero

Parlando di Minergie, sono diversi i motivi per cui si dovrebbe costruire e ristrutturare seguendo questo standard. Intanto, una certificazione Minergie riconosce e attesta un livello molto alto di qualità al progetto edilizio, a fronte di una spesa piuttosto contenuta per il suo rilascio.

Come viene rilasciata la certificazione Minergie

I valori di riferimento per il rilascio della certificazione sono derivati dalla normativa vigente, come pubblicati dalla SIA. È normale che durante l’utilizzo quotidiano dell’edificio si verifichino degli scostamenti da questi valori standard, andando a creare quello che si chiama Performance Gap.

Questi scostamenti sono stati rilevati essere come decisamente contenuti, talvolta con valori inferiori a quelli standard (frequente per gli edifici monofamiliari), altre volte con valori superiori (edifici plurifamiliari con sistemi di riscaldamento obsoleti, ad esempio).

Lo standard Minergie pone come obiettivo il rilascio di una garanzia di qualità, possibile solo quando l’involucro dell’edificio, i vari impianti e la produzione propria di elettricità (tramite impianti fotovoltaici) siano stati progettati in maniera efficiente, con una messa in funzione ragionata e adeguatamente predisposta. L’importante, quindi, è che tutto l’edificio lavori in maniera coordinata come un organismo unico.

Inoltre, Minergie stabilisce come dovrebbe “lavorare” un edificio, ma non fornisce limiti al suo utilizzo. È il caso di edifici che non hanno scopo abitativo (scuole, palestre, auditorium e via dicendo): se questi vengono sfruttati pienamente e consentono di abbattere gli sprechi, a fronte magari di un consumo energetico leggermente superiore, riflettono appieno la filosofia di base di questo standard.

In questo modo, infatti, il Performance Gap viene sensibilmente ridotto, perché si viene a creare un’ottima corrispondenza tra l’utilizzo dell’edificio e il suo dimensionamento in termini di impianti, consumi, spazi e via dicendo.

L’importanza del ricambio dell’aria

Un’associazione frequente è quella tra Minergie e sistemi di ventilazione all’interno degli edifici. La qualità dell’aria infatti è uno degli obiettivi principali perseguiti da questo standard, raggiungibile attraverso sistemi di ventilazione controllata là dove non esistono aperture sufficienti sull’esterno.

Analizzando il processo dal punto di vista della fisica, dall’aria viziata in uscita viene recuperato il calore necessario a climatizzare l’ambiente, mentre vengono eliminati accumuli di umidità e di sostanze inquinanti. È importante quindi raggiungere un buon equilibrio tra isolamento con l’esterno (termico e acustico, anch’esso fondamentale) e ventilazione controllata, da predisporre a dovere in fase di progettazione.

Sappiamo infatti come l’umidità porti alla proliferazione di muffa, la quale è ritenuta responsabile per l’insorgenza di infezioni e problemi respiratori nell’essere umano. Seguendo invece le direttive fissate da Minergie è possibile ottenere ambienti sempre perfettamente ventilati, con la giusta umidità (anche l’aria secca è a sua volta dannosa) e con temperature adeguate al periodo.

Gli incentivi fiscali per il Minergie

La gestione degli incentivi fiscali per la ristrutturazione secondo lo standard Minergie è affidata solitamente ai singoli Cantoni. L’integrazione, per il Canton Ticino, è con il Programma Edifici, il cui regolamento può essere consultato presso sede e sito istituzionale dell’Ufficio cantonale dell’energia.

Minergie e CECE: a cosa serve il certificato energetico

Minergie Bellinzona Ticino

Il Certificato Energetico Cantonale degli Edifici, conosciuto come CECE, serve a valutare:

  • l’efficienza energetica dell’involucro dell’edificio
  • il suo fabbisogno energetico, inteso come quantità di energia consumata per un uso standard

Come abbiamo avuto modo di anticipare, questa certificazione viene sintetizzata con l’assegnazione di una classe, a seconda di quanto efficiente sia l’edificio, presentata all’interno di un’etichetta energetica.

CECE e Minergie lavorano in maniera coordinata, perché l’assegnazione della classe e il suo miglioramento rappresentano due step fondamentali per la certificazione Minergie semplificata per le ristrutturazioni. Un CECE basso spinge verso una ristrutturazione dell’edificio, indicando con precisione gli interventi necessari per il miglioramento. Minergie, al termine, certifica la qualità dei lavori, con una valutazione all’interno della quale il CECE può costituire un criterio importante per il giudizio finale.

Il CECE si suddivide in tre tipologie di certificazione: abbiamo un’etichetta energetica base, che descrive la qualità dell’isolamento termico dell’involucro dell’edificio; il CECE plus si basa sulla proposta di tre alternative di ristrutturazione energetica progettate su misura; infine il CECE per nuovi edifici pone quelli che sono i valori da rispettare per raggiungere l’efficienza energetica una volta avviata la nuova costruzione.

I vantaggi del CECE

Il rilascio della certificazione energetica fornisce un’etichetta riassuntiva sulle qualità dell’immobile, con uno specchietto chiaro e completo sui costi energetici che si dovranno sostenere e sul comfort abitativo che ci si può attendere.

Ciò è molto utile in fase di compravendita immobiliare, sia per l’acquirente, sia per gli istituti finanziari che ricevono richiesta di finanziamento e hanno bisogno di una valutazione sul reale valore dell’immobile. L’ispettore incaricato dalla CECE, infatti, ha il compito di individuare le criticità presenti. Così facendo si ottiene un prospetto immediato sullo stato dell’immobile, con la possibilità di predisporre in tempi rapidi un eventuale piano di lavori e avere un’idea dell’investimento complessivo da sostenere.

I criteri per il rilascio del CECE sono uniformi in tutto il territorio svizzero, consentendo un confronto immediato tra tutti gli edifici in possesso della certificazione.

L’etichetta energetica

I criteri che vengono valutati per l’assegnazione della classe energetica sono due:

  • efficienza dell’involucro dell’edificio
  • efficienza energetica globale

La prima serve a definire principalmente il fabbisogno di calore di un edificio, valutando la qualità dell’isolamento termico. Gli elementi coinvolti nell’analisi quindi sono non solo le pareti, bensì anche il tetto, i pavimenti e i serramenti, incrociandoli con la qualità dei ponti termici e la forma dell’edificio.

La seconda prende in considerazione tutti gli impianti presenti nell’edificio, analizzando quindi anche l’impianto termico e la produzione di acqua calda, così come quello elettrico. Da questo punto di vista, ovviamente, a influire sulla valutazione sarà la tipologia di dispositivi impiegati: la presenza di un impianto fotovoltaico per la produzione elettrica oppure di una termopompa per il riscaldamento porteranno ad una classe energetica migliore.

Per la descrizione completa delle varie classi, è possibile trovare tutte le informazioni sul sito istituzionale del CECE. A titolo di puro esempio, ricordiamo che:

  • la classe energetica A corrisponde ad un ottimo isolamento termico degli elementi che abbiamo elencato, integrato ad esempio con finestre con tripli vetri isolanti; gli impianti e gli apparecchi sono energeticamente efficienti e l’edificio si basa sull’utilizzo di impianti ad energia rinnovabile;
  • la classe energetica G, all’opposto, viene assegnata quando l’edificio ha un isolamento incompleto e degli impianti obsoleti e si presta, in linea almeno teorica, ad un approfondito intervento di ristrutturazione che può migliorarne sensibilmente le prestazioni.

Renov Haus: crea valore per la tua casa

Se il tuo obiettivo è quello di ristrutturare la tua abitazione e migliorare sensibilmente le sue performance energetiche, concorrendo all’ottenimento degli incentivi previsti dal Programma Edifici, contattaci.

Mettiamo a tua disposizione un team di professionisti in grado di innalzare sensibilmente il comfort abitativo della tua casa, perseguendo gli obiettivi per un miglioramento della classe energetica e ristrutturando secondo le linee guida definite dallo standard Minergie.

Se cerchi un pacchetto di ristrutturazione chiavi in mano, chiamaci al 058 255 03 55 oppure compila il nostro modulo: possiamo raggiungerti in tutto il Ticino per un sopralluogo tecnico gratuito e fornirti così, in poche ore, un preventivo di spesa completo, personalizzato e senza alcun impegno.

Crea valore per la tua casa, scegli Renov Haus!

Hai trovato l'articolo interessante? Condividilo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.