Cartongesso e Controsoffitti 2020 Consulenza Gratuita

Ristruttura casa, crea valore!

Cartongesso e controsoffitti sono soluzioni rapide, economiche e versatili per modificare l’aspetto dei tuoi ambienti e ottenere risultati di grande stile e funzionalità. Con lavorazioni tutto sommato brevi è possibile creare separazioni, raddoppiare un muro o abbassare i soffitti, giocando con gli spazi e l’illuminazione per ristrutturare a basso costo.

Il gesso infatti è un materiale che si presta alla perfezione per questo tipo di lavori: è leggero, facile da trasportare e modellare e possiede anche un’ottima capacità isolante. Se la tua necessità allora è di redistribuire i tuoi ambienti, per crearne di nuovi o semplicemente migliorare la funzionalità di quelli esistenti, il cartongesso è la soluzione ideale.

Le possibilità a tua disposizione sono infinite: come fare a renderle realtà? È semplice, con Renov Haus. I nostri consulenti e progettisti sono al tuo completo servizio per ascoltare le tue esigenze e aiutarti a trovare le soluzioni migliori per te. Lasciaci un commento se desideri ulteriori informazioni, oppure compila il nostro modulo per fissare un appuntamento per una perizia gratuita e senza impegno. Operiamo in territorio svizzero su tutto il Canton Ticino, avvalendoci solo dei migliori professionisti del settore.

Cartongesso e controsoffitti: cosa sono

Il cartongesso ha trovato il proprio successo in campo edilizio in tempi relativamente recenti. Fino a 20 anni fa infatti il materiale più usato era il laterizio, mentre oggi praticamente ogni ristrutturazione di interni fa affidamento sulle pareti a base di gesso. Questo materiale infatti ha il vantaggio di essere leggero, quindi facile da trasportare e lavorare, veloce da installare e consente un’elevata precisione nella realizzazione delle pareti.

Inoltre il cartongesso è altamente flessibile, aprendo le porte a un’infinità di varianti di design che possono cambiare radicalmente il volto di un ambiente. Un open space può quindi essere facilmente suddiviso in più zone, installando una o più pareti divisorie. Un soffitto troppo alto può essere abbassato, giocando con effetti multilivello che possono donare tridimensionalità alla stanza. Se pensiamo poi alla possibilità di integrare l’illuminazione nei controsoffitti (come con i tagli di luce), capiamo come la creatività in questi casi non abbia limiti.

Le motivazioni dietro alla diffusione del cartongesso vanno cercate nell’ampia disponibilità in natura di giacimenti di gesso di buona qualità. Ciò inevitabilmente ha influito anche sul prezzo del materiale, rendendolo una delle soluzioni più economiche e vendute del settore edile.

Gli usi del cartongesso

Non solo ristrutturazione, verrebbe da dire. Al giorno d’oggi anche molte nuove realizzazioni fanno affidamento sul cartongesso, per la sua elevata funzionalità e durabilità quando si tratta di realizzare pareti interne non portanti.

Il loro spessore ridotto infatti permette di guadagnare preziosi centimetri, abbassando anche in maniera consistente i tempi di realizzazione, con conseguente risparmio in termini di manodopera. Molto spesso inoltre le strutture in cartongesso sono utilizzate come alloggiamento per gli impianti domestici, agendo da intercapedini.

Solitamente le lastre prodotte hanno uno spessore variabile da 6 a 25 millimetri, a seconda della flessibilità richiesta: quelle più sottili infatti possono essere usate agevolmente per creare pareti e superfici curve. Al momento della posa queste lastre saranno fissate su una struttura portante, costruita in legno o metallo.

Si tratta di prodotti sicuri e certificati: tutti i pannelli utilizzati all’interno dell’Unione Europea riportano il marchio CE e sono classificati secondo le loro caratteristiche di base.

Cartongesso e controsoffitti: le varianti

Di base, le pareti di cartongesso hanno una buona resistenza, potendo sopportare un carico di 70 kg a metro. Tramite alcuni rinforzi e i fissaggi alle strutture di supporto, la capacità di carico statico aumenta sensibilmente.

Le lastre standard possono essere trattate per adattarle a diverse esigenze e ambienti. L’utilizzo di resine idrorepellenti infatti permette di ottenere lastre di cartongesso resistenti a muffa e umidità, che possono essere usate sia per le pareti che per i controsoffitti. Una simile soluzione si presta ad ambienti in cui gli elementi di stress sono maggiori, come quando si parla ad esempio di ristrutturare la cucina o ristrutturare il bagno.

Un altro trattamento a base di vermiculite, perlite e fibra di vetro rende il cartongesso particolarmente resistente al fuoco naturale. Questa è infatti una proprietà di base del materiale, che viene ulteriormente amplificata da questo particolare procedimento.

In molte case o locali commerciali, poi, si presenta la necessità di diminuire la dispersione di calore: a tale scopo vengono usate lastre di cartongesso associate a lastre di materiale isolante, che migliorano notevolmente le performance di isolamento termico dei locali, contribuendo anche in misura sensibile al rilascio di una classe energetica più alta. Come se non bastasse, c’è una richiesta sempre maggiore di lastre isolanti anche dal punto di vista acustico.

Controsoffitti in cartongesso

Controsoffitti in cartongesso

Un metodo rapido ed economico per rimodernare un ambiente con qualche anno sulle spalle è quello di intervenire sui soffitti, variandone l’aspetto attraverso una struttura in cartongesso. I controsoffitti hanno avuto un successo crescente proprio per l’elevata versatilità in termini di design, che può essere facilmente unita ad alcune esigenze di tipo funzionale.

Troviamo quindi controsoffitti che possono esaltare l’arredo presente, contribuendo a diffondere l’illuminazione con una struttura piramidale a gradini. Altri invece vengono studiati per ospitare l’illuminazione stessa, predisponendo degli alloggiamenti in cui nascondere i corpi illuminanti. Altrettanto spesso si ricorre a queste soluzioni quando si tratta di installare un condizionatore e non si vuole (o non si può) in maniera invasiva sulle pareti presenti: in questo modo è possibile nascondere tubature e allacciamenti, integrandole alla perfezione nell’ambiente con una soluzione estetica di primo livello.

Dal punto di vista puramente decorativo, i controsoffitti in cartongesso possono essere posati come singolo inserto oppure andare ad occupare l’intero soffitto. Molto spesso troviamo dei controsoffitti parziali, allestiti magari sopra una singola parete oppure posizionati a cornice, con il soffitto originale lasciato libero nella sua porzione centrale.

Un esempio pratico: la gola luminosa

Abbiamo detto come l’illuminazione possa essere integrata in maniera creativa e funzionale con i controsoffitti in cartongesso. Affidandoti a dei professionisti potrai arrivare a delle soluzioni di grande impatto e in linea con le ultime tendenze di design.

Pensare di realizzare queste opere con il fai-da-te infatti presenta un’elevata dose di rischio, perché servono competenze tecniche specifiche sia a livello costruttivo che in tema di impiantistica. Inoltre è molto difficile studiare autonomamente un progetto che sia effettivamente valido per i nostri ambienti, senza avere le nozioni di architettura e arredamento d’interni necessarie.

Una soluzione su misura permette di realizzare quella che viene chiamata gola luminosa. Quando progettata nel modo corretto, permette di diffondere l’illuminazione nell’ambiente in maniera omogenea dando vita ad un effetto di sicuro impatto visivo. Parliamo di un controsoffitto centrale con aperture laterali, o al contrario posizionato solo sui lati esterni, che permettono alla luce (puntata verso l’alto) di generare un senso di apertura ampliando la sensazione di spaziosità della stanza.

In questi casi si tende a non usare elementi illuminanti come i faretti, poco efficaci per ottenere un plafone luminoso come quello che si vuole ottenere con le gole luminose.

Controsoffitto con faretti

Cartongesso e controsoffitti: i vantaggi

Arrivati a questo punto, possiamo riassumere i vantaggi di questa soluzione edile.

Iniziamo dicendo che con il cartongesso l’unico limite è la creatività: questo materiale è un valido alleato del design e permette di riempire gli spazi vuoti o crearne di nuovi là dove prima non c’erano. Possiamo ottenere diversi livelli sul soffitto, separare gli ambienti, rimodernare la casa, mantenendo sempre un occhio alla funzionalità.

I controsoffitti in cartongesso poi costituiscono veri e propri elementi di arredo quando vengono utilizzati per ospitare l’illuminazione o quando vengono utilizzati per direzionarla. Potremo così strutturare lampade, lampadari, faretti e punti luce nel modo più adatto a valorizzare i nostri ambienti, senza bisogno di interventi invasivi che richiedono di rompere e intonacare i muri.

Quando adeguatamente studiate, inoltre, le pareti in cartongesso possono ospitare i vari impianti domestici, nascondendo cavi, tubazioni e qualunque altro elemento “antiestetico”, sempre in maniera semplice ed efficace. Installare un impianto di climatizzazione senza la necessità di spaccare i muri, d’altronde, non è una gran bella possibilità?

Infine, abbiamo parlato della possibilità di sfruttare alcuni trattamenti per amplificare le proprietà isolanti del materiale, sia dal punto di vista termico che acustico. A tal proposito anche i controsoffitti vengono spesso utilizzati come alloggiamento per il materiale isolante, per ridurre la dispersione di calore e la trasmissione di rumori tra un piano e l’altro.

Cartongesso e controsoffitti: gli svantaggi

Ovviamente a fare da contraltare ai numerosi vantaggi, esistono anche alcuni svantaggi che bisogna sicuramente tenere in considerazione nel momento in cui valutiamo la possibilità di ricorrere al cartongesso.

Dobbiamo specificare che i “problemi” emergono non tanto per la posa delle pareti, quanto piuttosto per la realizzazione di un controsoffitto. Se per le prime infatti i tempi sono decisamente ridotti, con una lavorazione tutto sommato semplice, quando si tratta di intervenire sul soffitto le cose si complicano, per la necessità di lavorare ad una certa altezza (quindi servono delle impalcature) e contro gravità.

Ovviamente come secondo fattore dobbiamo considerare la riduzione dell’altezza dell’ambiente. Non si tratta di un vero e proprio svantaggio ma di un elemento da valutare e che rende i controsoffitti adatti a stanze la cui altezza si aggira intorno ai 3 metri o più, dove una riduzione non comporterebbe un problema.

Renov Haus: professionisti per la tua casa

Se stai valutando la possibilità di installare pareti in cartongesso e controsoffitti, affidati a RenovHaus. Grazie ai nostri consulenti potrai trovare le soluzioni di arredo ideali per i tuoi ambienti, ristrutturando i tuoi spazi secondo le tue esigenze e i tuoi desideri, in maniera rapida e funzionale.

Facciamo affidamento solo su materiali di qualità e su professionisti di alto livello. Ti metteremo in contatto con architetti e designer qualificati, per mettere nero su bianco i tuoi desideri. Il nostro team amministrativo inoltre si occuperà di avviare tutte le pratiche necessarie per l’avvio dei lavori e per l’ottenimento delle detrazioni fiscali a te spettanti. I nostri operai qualificati gestiranno il cantiere, riducendo al minimo i disagi per te e lavorando per la consegna nei tempi previsti. Al termine ci occuperemo anche delle registrazioni catastali necessarie per le eventuali modifiche strutturali.

Lasciaci un commento se desideri ulteriori informazioni oppure compila il nostro modulo per richiedere una perizia gratuita e senza impegno. Ti ricontatteremo in pochi minuti per fissare un sopralluogo tecnico e fornirti un preventivo trasparente e senza sorprese.